Parole Vere

Ultimamente mi trovo difronte a un qualcosa che mi sta portando a riflettere su quello che scatto e sul mio modo di scattare; più precisamente sto cercando di comprendere quello che c’è al di fuori del lato tecnico di una fotografia. Questa mia ricerca mi sta portando alla lettura e alla scoperta dei più grandi fotografi di sempre (è per questo che il sito tarda ad arrivare. 😀 ).

Alcuni giorni fa uno dei più grandi fotografi italiani, Gianni Berengo Gardin, intervistato da Settimio Benedusi, fotografo, ha detto delle parole vere, ma non vere Verissime, che sintetizzano il periodo fotografico che stiamo vivendo.

Ascoltiamole.

Vi lascio con tre mie Fotografie di “Vera Fotografia – non corretta, modificata o inventata al computer” Gianni Berengo Gardin.

Libri: Fulvio Roiter

20120812-100844.jpg

Ultimamente mi sto concedendo del tempo per comprendere di piu la fotografia, di conoscerne la storia e tutte quelle persone che hanno permesso ad appassionati come me di affascinarsi a questo mondo.
Il libro che vi segnalo (quello in foto), parla di uno dei piu grandi fotografi di reportage e paesaggisti Italiani, Fulvio Roiter(1926).

Nel libro vi è raccontata a 360 gradi l’avventura fotografica di Roiter dagli esordi di quando era un ragazzo, attraverso una panoramica dell’evoluzione fotografica nei decenni da lui attraversati.
Interessante seguire l’evoluzione del suo stile.

Viaggiando: Tra tre splendide regioni.

Sono in viaggio verso tre regioni italiane, due piu famose e una quasi ignota. Toccheró progressivamente Basilicata, Sicilia, Calabria e ritornerò alcuni giorni di nuovo in Basilicata.
In questo viaggio a base di relax, buon cibo, mare e montagna cercherò di fotografare questi ambienti molto particolari e suggestivi, sperando nel bel tempo!

20120801-192603.jpg

Nella mia borsa fotografica, che porteró sempre appresso, trovano posto una serie di rullini, una vecchia macchina a telemetro cn due obbiettivi (35 e 90 mm) e due libri.

Ovviamente non mancheranno occasioni interessanti per rendervi partecipi della mia avventura in diretta..
Cercherò di utilizzare Facebook, Twitter e questo blog per aggiornarvi.

Un saluto, buone vacanze e ovviamente buona luce..

Fotografando: Andrea Landini


Qualche settimana fa, ho fatto un servizio a un amico, scattando qualche foto nello spazio in cui lavora, caratterizzato da un design moderno e dal carattere ecocompatibile.

Entrando nel suo mondo con il mio 50 mm ho cercato di immaginare il suo lavoro e di raccontarlo in qualche scatto.

qui un video (tremante) del backstage con alcune foto al suo interno..

Video: Andrea Landini from Roberto Gresia on Vimeo.

Andrea Landini parla di se: “Sono un innovatore sociale, mi piace imprendere nuovi progetti in grado di avere degli impatti e generare cambiamento. Nell’ultimo anno mi sono occupato di crowdfunding, open innovation e social responsibility. Faccio parte nel network The Hub, una rete internazionale di spazi e persone fantastiche che vogliono cambiare il mondo un progetto alla volta.”

Fotografando: Ice Cup Livigno 2012

Freddo, Tanto freddo.. ma c’era da aspettarselo, Livigno e il fine settimana più freddo degli ultimi 25 anni sono un connubio perfetto per l’era glaciale (-28 gradi la mattina di domenica).

Fotografare i rally è sempre un impresa, sopratutto se sono Ice Rally, e questa volta non per il freddo, ma per il semplice fatto che l’unica ambientazione che si può trovare, è la neve, visto che il tutto si svolge su un lago ghiacciato.

Tutte le inquadrature che si è soliti utilizzare, fianchi, tagli 3/4, frontali, posteriori.. etc… vanno dimenticati, la neve fa sembrare di fotografare in studio con il telo bianco posteriore…

Si cerca quindi, di dedicarsi di più ai panning ambientati, anche qui molto dura la faccenda, vista la presenza eccessiva di neve, e alla libera fantasia.

Qualche immagine.

 


Fotografando: Basket

Due settimane fa, son andato a fotografare il basket, Olimpia Milano-Cremona.

Era la prima volta che fotografavo una partita di serie A, all’inizio ero leggermente disorientato, la velocità di gioco mi ha leggermente mandato in confusione, ma dopo qualche scatto sbagliato, ho preso il ritmo e son riuscito a portare a casa gli scatti che più interessavano..

Qualche scatto…

 

Fotografando: in studio

Settimana scorsa ho avuto la possibilità di partecipare ad un aggiornamento con un grande guru della fotografia in studio.

Lo studio era diretto da MaXu ( http://www.maxu.it/ ), un grandissimo fotografo di Roma, specializzato nella fotografia Fashion e Beauty; accompagnato da due fantastiche modelle.

Qualche scatto:

Fotografando: Supercross sx series

Torino 1 Ottobre 2011, son stato accreditato per fotografare il primo evento del campionato Europeo Indorr di motocross.

PalaOlimpico, Torino

 

Fotografare il motocross mi ha sempre affascinato, ma per vari motivi, solo una volta ero riuscito a fare qualche scatto a questo sport.

Le differenze sostanziali, fotograficamente parlando, che si percepiscono di queste moto conformo a quelle in pista,  sono la rapidità dei movimenti e  il fatto che non seguono una traiettoria ben definita. La possibilità di scattare praticamente in pista, è una di quelle cose che affascina molti fotografi anche se è palesemente pericoloso e nn sempre concesso.

Foto: Mattia Boero
Foto: Mattia Boero

 

 

Dopo i vari scatti di rito,  ho cercato lo scatto o come la chiamo io “LA FOTO”, un’immagine di grande impatto, utile ad aggiornare il mio scarno portfolio.

A inizio serata ero sempre più convinto che un bel salto dall’alto del palazzetto sarebbe stata la foto perfetta.

 

Ma dopo le prime gare, mi sarebbe piaciuto sempre di più integrare il pubblico nella foto, riuscendo a scattare un interessantissimo arrivo, completo di fiammata incredibile.

Ma dopo qualche panning di allenamento..

Mi è venuta la brillantissima idea, di realizzare uno degli scatti che amo di più, il panning estremo.

Ho voluto includere nella foto, sia il caos di una partenza di Motocross sia il tutto esaurito del palazzetto, spero di esserci riuscito.

La Foto.